Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Controllo buste paga

 

La busta paga (chiamata anche prospetto paga o cedolino paga) è il documento che il datore di lavoro ha l'obbligo di fornire al lavoratore mensilmente insieme alla retribuzione indicando i compensi percepiti, le ritenute fiscali e i contributi previdenziali versati. In sintesi esprime, quindi, l'insieme dei rapporti che il lavoratore intrattiene con il datore di lavoro (la paga), con lo Stato (le imposte) e con gli enti previdenziali (i contributi).

Nel nostro Paese, l'obbligo della busta paga è s ancito dalla legge 5 gennaio 1953, n. 4:

«È fatto obbligo ai datori di lavoro di consegnare, all'atto della corresponsione della retribuzione, ai lavoratori dipendenti, con esclusione dei dirigenti, un prospetto di paga in cui devono essere indicati il nome, cognome e qualifica professionale del lavoratore, il periodo cui la retribuzione si riferisce, gli assegni familiari e tutti gli altri elementi che, comunque, compongono detta retribuzione, nonché, distintamente, le singole trattenute».

Grazie alla busta paga, il lavoratore può verificare lo stipendio percepito e la sua congruità con quanto stabilito nel contratto individuale di lavoro oltre che con il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) a lui applicato, vedere il numero di ore di ferie e permessi maturati e l’importo dei contributi previdenziali versati dal datore di lavoro.

Il datore di lavoro può assolvere agli obblighi di consegna del prospetto di paga anche per via telematica (non solo pec ma anche posta elettronica non certificata). L'unica ulteriore incombenza a carico del datore di lavoro attiene alla necessità che l'azienda metta a disposizione del lavoratore idonee tecnologie e attrezzature informatiche per la ricezione e stampa del prospetto.

L'obbligo di consegna del prospetto paga può inoltre essere assolto,  tramite la consegna al lavoratore di copia delle scritturazioni effettuate nel LUL (libro unico del lavoro). In particolare, è sufficiente che il datore di lavoro consegni al lavoratore, all'atto della corresponsione della retribuzione, la parte del LUL relativa alla valorizzazione retributiva, previdenziale e fiscale della prestazione lavorativa.