Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Licenziati i dipendenti che timbrano l’uno per l’altro il cartellino presenze

La Sentenza n. 25374 del 25 ottobre 2017 della Corte di cassazione; statuisce la piena legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti dei lavoratori che timbrano in molteplici occasioni, anche per i colleghi , il cartellino presenze in modo da far risultare  in servizio lavoratori durante il giorno di riposo. 
La Suprema Corte, ha evidenziato che l’alterazione delle presenze giustifica il recesso senza preavviso e che la violazione disciplinare consiste anche nell’omessa segnalazione delle anomalie di queste timbrature non corrispondenti al vero.