Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Licenziamento per scarso rendimento

Sentenza Corte di Cassazione n. 18317del 19 settembre 2016

La Corte di Cassazione ha statuito l'illegittimità del provvedimento espulsivo per scarso rendimento (licenziamento per giustificato motivo soggettivo) nei confronti del dipendente, in assenza della dimostrazione da parte dell'azienda del grado di efficienza raggiunto dai colleghi, né dello standard produttivo concordato con l'interessato.

La Suprema Corte precisa che ai fini del recesso, il datore di lavoro non può limitarsi semplicemente a dimostrare il mancato raggiungimento del risultato atteso dal dipendente, ma deve provare che la ragione sia riconducibile a colpa e negligenza nell'inadempimento di obblighi contrattuali da parte del dipendente.