Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Legittimo il licenziamento del dipendente che informa tardivamente il sequestro del PC Aziendale

I Giudici della Suprema Corte sono intervenuti, con la Sentenza n. 8818 pubblicata il 5/04/2017, sulla legittimità del licenziamento di un dipendente che non aveva comunicato tempestivamente il sequestro, effettuato da parte della pubblica autorità, del pc aziendale in sua dotazione.

Nello specifico la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il provvedimento disciplinare espulsivo per giusta causa.

Alla base di questa decisione vi è la lesione del rapporto di fiducia, tra azienda e il dipendente che non aveva comunicato tempestivamente al proprio datore che il PC aziendale, messo a disposizione del lavoratore, era stato sequestrato dalla polizia nell’ambito di indagini per reati pedopornografici.