Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Lavoratore transfrontaliero svizzero

Con Risoluzione n. 38/E del 28 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate, fornisce la definizione di lavoratore transfrontaliero svizzero per l’identificazione del luogo di imponibilità dei salari e stipendi percepiti. 
Ai sopra indicati fini, rileva la distanza tra il Comune di residenza e il confine con uno dei Cantoni del Ticino, dei Grigioni e del Vallese. 

Nello specifico, l’AdE ha precisato che la qualificazione di "lavoratore transfrontaliero svizzero" va riconosciuta al lavoratore residente in un Comune il cui territorio sia compreso nella fascia di 20 km dal confine con uno dei Cantoni del Ticino, dei Grigioni e del Vallese, in cui si reca per svolgere la propria attività di lavorativa come dipendente. 
Per tali lavoratori, dunque, i salari e gli stipendi sono assoggettati fiscalmente in Svizzera. 
Sarà onere dei vari Cantoni versare annualmente, a beneficio dei Comuni italiani di residenza dei lavoratori in questione, parte del gettito fiscale proveniente dall’imposizione.