Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

La buona condotta tenuta per anni salva il lavoratore dal licenziamento

Con Sentenza n. 7346 del 22 marzo 2017 la Corte di Cassazionein tema di licenziamento per giusta causa, dichiara illegittimo il provvedimento espulsivo nei confronti di una lavoratrice per aver rivolto ad un cliente frasi "irriguardose" dopo la richiesta di chiarimenti di quest’ultimo. 

Ciò che salva il dipendente da tale decisione è il suo comportamento impeccabile per anni.  
Nel caso in esame i giudici della Corte Suprema hanno precisato che la legittimità del licenziamento per giusta causa è legata ad un comportamento del lavoratore tale da costituire una "grave negazione degli elementi essenziali del rapporto di lavoro e, in particolare, dell’elemento fiduciario", elemento che il giudice non ha riscontrato nel procedimento in esame ritenendo non proporzionale l’episodio alla sanzione inflitta, anche per la condotta irreprensibile della lavoratrice nel corso degli anni.