Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

L'avvocato deve consigliare il cliente di astenersi dalle cause perse

L'avvocato, qualora gli vengano prospettate cause (c.d. cause perse) in cui l'esito sia già con ogni probabilità negativamente predeterminato deve dissuadere il cliente alla causa medesima

Sul legale infatti incombe l'obbligo di informazione nei confronti del cliente e/o assistito, degli eventuali rischi connessi con l'esito di un giudizio dai risvolti negativi già ex ante e di conseguenza l'ulteriore obbligo di far desistere il cliente dall’avvio o prosecuzione della lite stessa.

Questo è quanto si evince nella sentenza, n. 13008 del 23 giugno scorso, emessa dalla III^ Sezione Civile della Cassazione.