Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Cumulare le sanzioni disciplinari non comporta il licenziamento per scarso rendimento

Con la Sentenza del 14 Febbraio 2017 n. 3855 la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione è intervenuta in merito alla legittimità del licenziamento per scarso rendimento di un lavoratore per cumulo di sanzioni disciplinari.

Per scarso rendimento si intendono i comportamenti del dipendente censurati dall’azienda. Rientrano nella fattispecie l’inottemperanza a disposizioni aziendali, omessa giustificazione di assenze, ritardi ingiustificati, gravi inadempienze del lavoratore, ecc.

La Suprema Corte ha sentenziato che non basta cumulare diverse sanzioni disciplinari, per sostenere automaticamente il licenziamento per scarso rendimento, ma è necessario un nuovo esame della condotta tenuta dal lavoratore al fine di provare l’inadeguatezza della prestazione lavorativa per qualità o quantità prima di poter intimare il licenziamento.