Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Assegno di ricollocamento 2017

Il decreto n. 150/2015, è intervenuto con una misura rivolta al sostegno della disoccupazione di coloro che una volta terminata la NASPI, risultano ancora privi di un'occupazione introducendo "l'assegno di disoccupazione".

L’assegno consiste in un contributo erogato sotto forma di voucher, le modalità operative così come il rispettivo ammontare verranno definiti con una delibera del Consiglio di Amministrazione dell’ANPAL - l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, previa approvazione del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Pertanto può avere un importo variabile da un minimo di 250 euro ad un massimo di 5.000,00 euro a seconda del profilo di occupabilità del soggetto, e verrà erogato agli enti che hanno fornito il servizio di assistenza alla ricollocazione.

I soggetti per poter richiedere i voucher, devono aver terminato il periodo massimo di fruizione delle indennità Naspi, se lo stato di disoccupazione si protrae per più di 4 mesi, il lavoratore ha diritto all'assegno di ricollocazione che viene rilasciato, nei limiti delle disponibilità assegnate a tale finalità per la Regione o per la provincia autonoma di residenza. Condizione necessaria per richiedere l'assegno è la partecipazione del lavoratore a corsi e a politiche attive del lavoro

Il disoccupato deve  presentarsi al Centro per l'Impiego ed iniziare l'iter per la domanda di assegno di ricollocazione. Successivamente avrà la possibilità di scegliere l’agenzia per il lavoro dalla quale farsi assistere nella ricerca attiva di una nuova occupazione; tuttavia l’agenzia riceverà una remunerazione, dallo Stato o dalla Regione con la dote attribuita al lavoratore, solo nel caso in cui sia concretamente trovato un lavoro.

Nel caso in cui, il lavoratore poi non partecipi alle iniziative di inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro, sono previste sanzioni che vanno dalla decadenza della prestazione, sospensione o decurtazione delle somme erogate con l'assegno.