Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Licenziamento legittimo in caso non vengano osservate le direttive aziendali utilizzando come scusante la propria disabilità

La Corte di Cassazione si è espressa, con la Sentenza n. 4315 del 20 febbraio 2017, in merito alla possibilità di licenziare un lavoratore disabile, che giustifica i suoi comportamenti anomali come derivanti dalla sua patologia.  

La Cassazione ha ritenuto ammissibile il licenziamento, attribuendo la ragione al datore di lavoro, in quanto la patologia di cui era affetta la lavoratrice licenziata non incideva con la condotta tenuta  dalla lavoratrice e non poteva essere neanche  giustificazione dei comportamenti non consoni alla normale attività aziendale. 

Si può quindi ritenere legittimo il licenziamento intimato ad un lavoratore disabile che utilizza la propria disabilità come giustificazione alla propria inottemperanza alle direttive aziendali o allo svolgimento delle proprie mansioni quando la patologia di cui si è affetti non influisce sullo svolgimento di quest’ultime.