Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Archivio domande

  • Lavorare in aspettativa. Possibile?

    Il 10/09/2020, A. chiede:

    Salve, sono un dipendente autoferrotranvieri da 16 anni full time in una azienda privata, vorrei sapere sé è possibile mettersi in aspettativa per 12 mesi e lavorare in Svizzera con residenza in Italia (frontaliere). So che non è possibile mettersi in aspettativa e fare altro lavoro, mi chiedevo se però è possibile lavorare all'estero....
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Stipendio lordo e netto

    Il 12/09/2020, E. chiede:

    Buongiorno, Ho una domanda. Mi è stata fatta una proposta di lavoro in un ristorante come addetta accoglienza e centralinista per i weekend da venerdì sera a domenica sera per un monte orario di 26.5 ore settimanali e una offerta via mail di 900 euro netti. Adesso mi hanno presentato il contratto e per il compenso c'è scritto "la retribuzione lorda è quella del CCNL PUBBLICI ESERCIZI" inquadrandomi al 5 livello. A quanto ammonta il compenso netto part time 26.5 del 5 livello pubblici esercizi? Per le detrazioni non ho nessuno a carico ed ho rinunciato pochi giorni fa ad un lavoro, durante il periodo di prova, compilando il modulo detrazioni per la prima volta nell'anno, quindi non credo di poterle nuovamente richiedere. Cordiali saluti
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Dimissioni periodo protetto

    Il 29/08/2020, M. chiede:

    Buongiorno, sono una dipendente del settore commercio, primo livello, in questo momento usufruisco del congedo parentale, mio figlio ha due anni e mezzo. Di seguito la mia domanda: -durante il periodo di congedo parentale è vietato il licenziamento -i giorni di preavviso sono obbligatori durante il periodo in cui vige il divieto di licenziamento? Vorrei sapere se in questo periodo se dovessi decidere di non rientrare a lavoro per occuparmi di mio figlio, dovrei dare un preavviso o potrei anche non dare il preavviso? il periodo di preavviso comporta il mio rientro a lavoro? Lo chiedo perché in questo momento sono impossibilitata a rientrare. Se avete domande da farmi per fornirmi una risposta più esaustiva possibile non esitate. Grazie mille per la disponibilità.
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Annullare domanda CIG. Possibile?

    Il 08/09/2020, P. chiede:

    Buongiorno, sono dipendente di un srl che, dopo aver usufruito dei precedenti periodi di cassa integrazione con causale Covid-19 a partire dal 1 marzo e fino al 4 luglio 2020, ha successivamente presentato richiesta di cassa integrazione ordinaria in data a decorrere dal 13 luglio 2020 e per la durata di 13 settimane. Nel momento in cui la srl ha presentato la domanda di CIG ordinaria, infatti, non era sicuro che la CIG c.d. "CoVid" sarebbe stata prolungata. Successivamente all'inoltre della richiesta di CIG ordinaria all'INPS, è stato promulgato il c.d. "decreto agosto", che ha esteso la possibilità per le aziende di usufruire della cassa integrazione con causale CoVid. Noi dipendenti insistiamo perchè l'azienda presenti una nuova richiesta di CIG con causale CoVid che "sostituisca" quella di CIG ordinaria (il perchè è presto detto: la CIG CoVid prevede tempi di erogazione molto più rapidi di quella ordinaria), mentre l'azienda sostiene che, avendo presentato la richiesta di CIG ordinaria, non è più possibile "trasformarla" in CoVid e che pertanto bisogna attendere l'esito della richiesta ordinaria. Preciso che la richiesta di CIG ordinaria inoltrata dall'azienda non si trova, al momento in cui scrivo, neppure nella fase istruttoria. Il rappresentante sindacale interpellato sostiene invece che è sufficiente presentare una nuova richiesta di CIG, sempre a decorrere dal 13 luglio, questa volta con casuale CoVid, che andrà automaticamente a rimpiazzare la richiesta di CIG ordinaria. Chi ha ragione, l'azienda o il rappresentante sindacale? Grazie del tempo che potrete dedicarmi.
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Premio produttività in welfare aziendale

    Il 22/07/2020, M. chiede:

    Buongiorno, volevo chiedere una informazione in merito all'erogazione dei bonus attraverso welfare/fondo previdenza complementare. Annualmente nel mese di maggio ricevo un bonus riferito al raggiungimento (o meno) del fatturato dell'anno precedente. Questo bonus può variare dai 4500 (minimo) ai 20.000 (massimo) - lordi-. Per evitare che la tassazione eroda quasi la metà del bonus mi chiedevo se fosse possibile richiedere alla mia azienda di poter erogare il bonus attraverso versamento dell'importo lordo al mio fondo pensione cosi da evitare la tassazione sia io e sia l'azienda (con conseguente vantaggio). La mia idea era di versarlo nel fondo pensione e successivamente prelevarlo (per motivi personali - max 30% del fondo) cosi da poter godere della tassazione pari al 20% (sempre meno di quella che è prevista a cedolino). E' fattibile questa richiesta? Ci devono essere degli accordi con l'azienda o posso chiederlo normalmente senza dover stipulare accordi) CCNL Metalmeccanici. Ringrazio della risposta
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Ferie e permessi, il Datore può imporli?!

    Il 15/06/2020, M. chiede:

    Buongiorno, avrei una domanda in merito a ferie e permessi. La mia situazione -ad oggi- è di FER: 118 PAR: 94 con la previsione di arrivare a fine anno ad un totale di 366. Abbiamo ricevuto “ordine” di arrivare a fine anno ad un totale di un residuo di 100 ore (somma tra ferie e par) e per il prossimo anno, di arrivare ad un residuo di 50 ore (sempre somma tra ferie e par). Volevo chiedere: è lecita questa richiesta? Può il datore imporre cosi unilateralmente – senza limiti – l’utilizzo forzoso delle ferie/permessi indistintamente? Contando poi che in un anno si maturano 156 ore di FER e 96 ore di PAR, la richiesta di portare i valori a 50 a fine 2021 significherebbe imporre l’utilizzo per più della metà. Grazie
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Ferie e part time

    Il 10/06/2020, S. chiede:

    Buongiorno, lavoro come impiegata presso una società di servizi di Milano. Ho un contratto part-time di tipo MISTO per un totale di 28 ore a settimana, strutturato in questo modo: lun 8h - mar 4h – mer 8h - gio 4h - ven 4h, regolato dal CCNL PULIZIA/MULTISERVIZI. Ho un quesito da porvi sul conteggio delle ferie: posto che ho diritto a 22 giorni di ferie, 28 ore di ROL e un variabile numero di ore per le ex festività, la società mi detrae le ferie in GIORNI mentre io vorrei che fosse fatto in ORE. Essendo un part-time misto ritengo sia palese che se vado in ferie un lunedì (8 ore di lavoro) è differente da un giovedì (4 ore di lavoro). E’ possibile chiedere di utilizzare i giorni di ferie per il LUN e MER (8 ore) ei ROL per MA-GI-VE (4 ore)? Meglio ancora, è’ possibile chiedere che i 22 giorni di ferie vengano trasformati in ore? Quante ore? Il calcolo è 22 giorni x 8 ore = 176? C’è un articolo di legge/disposizioni che attesti questo principio? Grazie, resto in attesa di un vs cortese riscontro.
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Bonus Renzi e Ammortizzatori Sociali

    Il 09/06/2020, C. chiede:

    Buongirono, per il mese di aprile e maggio 2020 sono stata in cassa integrazione a zero ore. Non è stato pagato il bonus renzi . la motivazione è stata che non vine pagata in busta ma come rimborso nel 730 -2021 per l'anno 2020. Specifico che la cassa integrazione non è pagata dal datore di lavoro ma dall'inps. Nessun altre spiegazioni in merito . leggendo vari testi invece il bonus viene dato sempre in busta a prescindere da chi è il sostituto d'imposta. Avevo bisono di confrontarmi con un esperto
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Congedo COVID-19 non retribuito

    Il 01/06/2020, N. chiede:

    Avrei bisogno di chiarimenti sul Congedo Straordinario Covid non retribuito per figli minori di 16 anni: vorrei sapere entro quale data possono essere utilizzati i 30 giorni , le modalità per la richiesta e quanti giorni prima dell’assenza vanno richiesti (se ho capito bene vanno richiesti solo al datore di lavoro e non all’INPS), e se vengono conteggiati anche i sabati e le domeniche nel caso si richiedano più settimane consecutive (oppure se posso fare 3 richieste separate dal lunedì al venerdì anche se si tratta di 3 settimane consecutive). Grazie. N.
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Tempo determinato, quanto preavviso?

    Il 26/05/2020, S. chiede:

    Buongiorno, Devo effettuare le dimissioni dal mio attuale datore di lavoro, a seguito di un offerta di lavoro da un'altra ditta, ma non so quanti giorni di preavviso dare. Il mio contatto è un CCNL telecomunicazioni di 2° livello a tempo determinato, ha inizio validità dal 1/7/2019 e con l'ultima proroga di contratto la data di scadenza del contratto è il 30/06/2020, quanto devo dare come giorni di preavviso? Come devo procedere in caso non sia previsto il preavviso con le risorse umane della ditta con il quale sono attualmente assunto? In attesa di un vostro cortese riscontro, Saluti Grazie mille
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Interdizione anticipata

    Il 05/05/2020, L. chiede:

    Buongiorno, Lavoro presso un'azienda in cui facciamo ristorazione con somministrazione, da Gennaio 2019 ho un contratto full time livello B1 a tempo indeterminato. Al momento sono in cassa integrazione a causa del COVID-19 ed ho scoperto di essere incinta di 6 settimane. Al momento nel locale facciamo solo asporto e consegne a domicilio ma vista la situazione il mio medico di base mi ha consigliato di mettermi in maternità anticipata, dato che fra due settimane dovrei rientrare a lavoro. Qual è la corretta procedura per accedere alla maternità anticipata? Grazie
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Aspettativa

    Il 29/04/2020, E. chiede:

    Salve, sto valutando un offerta lavorativa presso la FAO, con contratto da consulente internazionale. Da quello che mi hanno riferito i reclutatori non si dovrebbero pagare tasse. Mi servirebbe avere una conferma al rispetto. La mia idea sarebbe quella di prendere un anno di aspettativa, lavorare per la FAO e pagare con versamenti volontari i contributi inps. Svolgerei l'attività in italia nella sede di xxxxx della fao, il contratto sarebbe, come già accennato, di consulente internazionale al di fuori della giurisdizione italiana, infatti il pagamento avverrebbe in dollari. Al momento sono un dipendente presso azienda privata con contratto confapi 8° livello Tra le conferme che le chiedo c'è anche la fattibilità di usare l'aspettativa e che questa non sia in conflitto con il nuovo lavoro, trattandosi di un incarico extraterritoriale. grazie
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo dei contributri

    Il 19/04/2020, E. chiede:

    Buongiorno, sono un dipendente con contratto da quadro. Sto valutando di passare alla partita IVA, ma temo di aver problemi poi lato pensionistico. Leggo informazioni contrastanti: da una parte pare sia meglio aspettare di avere 20 anni di contributi da dipendente (ne ho 18), dall'altra pare che col passaggio al contributivo questo vincolo sia venuto meno. Ancora, non è chiaro se i miei contributi siano automaticamente ricondotti alla mia posizione INPS oppure se ci sia da pagare un ricongiungimento e ci sia il rischio che alcuni non vengano riconosciuti o abbiano validità diverse ai fini del conteggio. Come stanno le cose? Cosa consigliate? Grazie mille,
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Lavoro domestico e naspi

    Il 10/04/2020, A. chiede:

    Salve, scrivo per una peraona nel mio palazzo in grave difficoltà. Dal 1 febbraio è impiegata come colf a tempo indeterminato ed è moldava. È stata mandata a casa senza disoccupazione o sussidi vari e vorremmo capire se ha dei diritti perché la sua condizione è difficilissima. Lei vive con una bambina e vorrebbe anche sapere se ha diritto ad assegni famigliari. Negli ultimi 3 anni ha lavorqto re olare per più di 12 settimane. Ho a disposizione il documento ed il contratto stipulato. Il sup datore di lavoro è un avvocato. In attesa di un Vs preventivo. Cordiali saluti
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
  • Revoca delle dimissioni pur trascorso il termine di 7 giorni

    Il 12/04/2020, I. chiede:

    Salve le presento la mia situazione: Il 17/02/2020 ho dato le mie dimissioni volontarie online tramite un patronato,all'azienda xxxxxxxx SPA dove lavoro a tempo indeterminato dal 02/11/2011.Ora visto che la situazione di emergenza sanitaria che stiamo vivendo,ha bloccato i miei progetti di trasferimento all'estero,vorrei revocare le dimissioni anche se sono passati i 7 giorni.Il mio datore di lavoro è disposto a tenermi presso l'azienda ignorando le dimissioni ma non avendo un consulente del lavoro diretto non è a conoscenza della procedura da fare. La mia richiesta: Chi e come bisogna fare per proseguire il rappoorto di lavoro,ignorando così le dimissioni? GRAZIE
    Puoi leggere la risposta solo se la domanda è tua: effettua il login!
   1  2  3  4  5  6  7  8  9  10   Avanti »