Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Il telelavoro

Il telelavoro è una particolare forma di rapporto di lavoro dipendente (eventualmente anche part-time), attraverso il quale il lavoratore svolge la sua attività lavorativa, in un luogo che non coincide con i locali dell'impresa.

Egli infatti utilizza strumenti telematici ed informatici (forniti dal Datore), che gli permettono di lavorare, solitamente presso la propria abitazione, esattamente come se lavorasse in azienda.

Il telelavoro è una scelta volontaria di datore di lavoro e lavoratore e può essere previsto subito sin dalla fase di assunzione che in un secondo momento durante lo svolgimento del rapporto stesso; ciò che conta è la volontarietà delle due parti coinvolte.

Il datore di lavoro deve fornire al telelavoratore in forma scritta tutte le informazioni relative a:

1) le norme contrattuali;

2) la natura e tipologia dell'attività lavorativa oggetto del telelavoro;

3) i diretti responsabili del telelavoratore;

4) le modalità di esecuzione della prestazione in telelavoro;

5) l'orario di lavoro della prestazione eseguita, (eventualmente anche part-time);

6) le informazioni in materia di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro;

Essendo una scelta volontaria il lavoratore che rifiuta il passaggio al telelavoro non può essere licenziato.

Il telelavoratore gestisce l'organizzazione del proprio tempo di lavoro e La prestazione affidatagli deve essere equivalente in termini di quantità, tipologia e qualità a quella svolta da lavoratori aventi le stesse mansioni del telelavoratore, che svolgono la propria attività nei locali dell'azienda.

Il telelavoratore ha diritto alla riservatezza, quindi l'eventuale installazione di strumenti di controllo deve essere effettuata nel rispetto delle norme di legge nonché delle specifiche direttive impartite in materia dalla disciplina relativa alla sicurezza sul lavoro.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza del telelavoratore, con particolare riferimento alla disciplina posta a tutela dei videoterminalisti.

Il telelavoratore ha diritto a tutte garanzie di natura previdenziale assicurate al lavoratore, inserito in azienda del medesimo settore da cui dipende il telelavoratore (ad esempio assegno nucleo familiare, malattia, maternità, ecc.)

Nel caso in cui le parti abbiano pattuito la possibilità del datore di lavoro di richiamare il dipendente a svolgere la sua prestazione presso una determinata sede aziendale in base alle esigenze di servizio, il provvedimento di richiamo (in sede) è legittimo e non richiede nessuna motivazione specifica.