Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Bonus Bebè 2018

L’assegno di natalità 2018 (cosiddetto bonus bebè) è un assegno mensile destinato alle famiglie per ogni figlio nato o adottato nel corso dell’anno 2018.

Tale importo:

-è erogato direttamente dall’INPS in quote mensili, a decorrere dal mese di nascita o di adozione (previa domanda dell’interessato),

-non concorre alla formazione del reddito complessivo;
-viene corrisposto fino al compimento del primo anno di età ovvero del primo anno di ingresso nel nucleo familiare.

L’assegno spetta, dietro apposita domanda, ai soggetti cittadini italiani o dell’UE, residenti in Italia e conviventi con il minore che siano in possesso di un ISEE minorenni in corso di validità inferiore a 25.000 euro.
 

Per poter ottenere l’assegno occorre presentare in via preliminare una dichiarazione
sostitutiva unica (DSU), in cui siano ricompresi nel nucleo familiare anche i dati del figlio nato, adottato o in affido preadottivo per il quale viene richiesto il beneficio.

La domanda di assegno si presenta telematicamente all’INPS tramite il modello SR163 (una sola volta per ciascun figlio nato o adottato nel 2018) ed entro 90 giorni dalla nascita o dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare.

In alternativa, si può utilizzare il Contact center al numero 803 164 oppure avvalersi di un Ente di patronato e intermediario dell’Istituto.

L’INPS corrisponde l’importo in singole rate mensili (pari a 80 euro o 160 euro a seconda del valore dell’ISEE).

L’erogazione dell’assegno termina alla perdita di uno dei requisiti previsti per il suo ottenimento, ad esempio:

  1. compimento di un anno di età o un anno dall’ingresso in famiglia del minore a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo;
  2. raggiungimento della maggiore età del figlio adottato;
  3. con la perdita, da parte del richiedente, di uno dei requisiti come il trasferimento della residenza all’estero, perdita della convivenza con il figlio, revoca dell’affidamento, ISEE minorenni superiore a 25.000 euro annui ecc;
  4. decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale;
  5. ecc